Happy crowd hour

mamma e lavoroAvete un sogno nel cassetto da realizzare ma non avete i fondi per farlo? C’è chi può farlo per voi ecco come:

Happy crowd hour
Aperitivi tra mamme e donne intraprendenti a Milano e Roma

Due aperitivi a Milano e Roma per illustrare alle mamme più intraprendenti come utilizzare il crowdfunding per attivare i loro progetti in Rete e fuori.

Milano, 6 marzo 2014 -  Eppela - la più grande piattaforma di crowdfunding presente in Italia – e FattoreMamma - il punto di riferimento italiano per le mamme in Rete – hanno deciso di collaborare, per dare sostegno ai progetti imprenditoriali delle mamme.

Per scoprire l’opportunità del crowdfunding e il servizio di supporto personalizzato per presentare piccoli e grandi progetti, Eppela e FattoreMamma invitano a un aperitivo tutte le mamme con un sogno nel cassetto.

MILANO - Giovedi’ 13 marzo a Milano, presso Open - Viale Montenero 6 a Milano – dalle ore 18.00 dalle 18 alle 20

ROMA -  Giovedi’ 20 marzo a Milano, presso Working Capital – Via Santa Maria in Via,6 – dalle ore 18.00 dalle 18 alle 20

Agli aperitivi saranno presenti Jolanda Restano (fondatrice di FattoreMamma), Fabio Simonelli e Nicola Lencioni soci fondatori di Eppela e Veronica Benini coach delle progettiste, più alcune delle mamme che già hanno avviato la raccolta fondi sulla piattaforma per i loro progetti. Tutte loro saranno disponibili a fornire le informazioni per avviarne di nuovi.

La community delle mamme di Eppela
Eppela è la più grande piattaforma di crowdfunding presente in Italia e contribuisce a sostenere diversi progetti ogni giorno. Con il 2013 Eppela ha pensato di avvicinarsi ancora di più ai progettisti e di supportarli attraverso delle community dedicate alle persone, dove vengono ospitati e accuditi i progetti .
La community delle mamme ha come partner Fattoremamma, il punto di riferimento delle mamme italiane in Rete, e alcune delle più note mamme influencer come Barbara Damiano (MammaFelice.it) e Chiara Cecilia Santamaria (Machedavvero.it). Insieme scoprono e valutano i progetti delle mamme che si stanno inventando un lavoro, che vogliono lanciarsi in proprio o che semplicemente vogliono dare una svolta alla propria attività. La community delle mamme è utile anche come occasione di confronto tra chi è agli inizi e chi invece ha già utilizzato questa piattaforma, oltre a essere un valido strumento di marketing.
Le mamme progettiste avranno la possibilità di avere una tutor d’eccezione, Veronica Benini, consulente marketing per Eppela, che le accompagnerà nella stesura dei progetti e nella ricerca delle ricompense.

La community delle mamme ha trovato anche l’appoggio di alcuni mentori partner, aziende che hanno deciso di sostenere i progetti più in linea con i loro valori: quando il progetto raggiunge il 50% dei fondi richiesti, il resto viene offerto dal partner, fino ad un massimo di 5.000 €. Il primo partner verrà presentato, dopo un bel rodaggio e qualche ritardo, finalmente, il 13 marzo durante l’evento.

Cosa è e come funziona il crowdfunding?  
Il crowdfunding è una piattaforma online che si occupa di raccogliere donazioni dalla rete per sostenere e favorire il progetto di chi ha deciso di partire con qualcosa di proprio e non ha ottenuto gli appoggi delle banche.
Sulla piattaforma online chi elabora il progetto lo spiega (anche mediante un video) affinché possa essere finanziato dagli internauti interessati. Il progettista può essere già esperto o alle prime armi, l’importante è che sappia raccontare bene la propria idea, che dovrà essere innovativa e intrigante al punto tale da far venire voglia di essere sostenuta.
Ogni sostenitore riceverà poi una ricompensa.
Qualsiasi progetto può usufruire del crowdfunding: un evento, un documentario, un brevetto, un libro o e-book, un e-commerce, un negozio, un caffè, un tour di concerti, una collezione di gioielli o di abiti.

FattoreMamma
FattoreMamma  crea forme innovative di relazione tra le mamme e le aziende utilizzando le nuove tecnologie digitali e lavorando in modo integrato sulle dimensioni on-line e off-line. Per fare questo, offre un ampio spettro di servizi alle aziende che si rivolgono alle mamme, quali influencer e buzz marketing, content creation e community management, organizzazione eventi e campagne di comunicazione non convenzionale.
FattoreMamma è inoltre editore di siti e servizi on-line dedicati a mamme, famiglie e bambini (Filastrocche.it, Blogmamma.it, MammacheClub.comMammacheblog.com, Mumsup.com), attraverso i quali raggiunge quotidianamente migliaia di mamme. Grazie alla sua profonda conoscenza del mondo “mamme on line”, ha creato Il FattoreMamma Network, il primo e più grande circuito di siti e blog mom-generated, per il quale è anche concessionaria di pubblicità.
Gli eventi Mammacheblog organizzati da FattoreMamma a maggio e novembre di ogni anno sono il punto di riferimento per tutte le mamme blogger italiane

 


Potrebbero interessarti anche:

Concorso per il mio bimbo

Per il mio bimbo

ha organizzato un fantastico concorso!
Vinci:

pannolini

buoni spesa da 200 euro

e un viaggio a Parigi!

Cosa aspettate a partecipare :-)


Potrebbero interessarti anche:

Intervista a Daniela Poggi di La scuola in soffitta

mamma la scuola!

Daniela Poggi di La scuola in soffitta ha scritto il libro:

Mamma la scuola! Divertirsi in famiglia imparando.

Io l’ho letto ed è fantastico, come il suo blog del resto che seguo da anni, così l’ho intervistata per voi.

1) Raccontaci chi sei e come è nata l’idea del libro.

1) Sono mamma di due bambini. Da quando sono nati loro mi sono interessata molto all’argomento dell’educazione, scoprendo quella che sarebbe diventata una passione. Ho letto molto sul metodo Montessori, sulla pedagogia Steineriana e quando il maggiore dei miei figli è arrivato alla scuola primaria ho scoperto cos’è l’homeschooling. E’ stata una della sue insegnanti a dire in una riunione con i genitori che potevamo cercare attività e giochi per stimolarli all’apprendimento o allenarli nelle abilità necessarie allo studio. Cercando in rete ho trovato molti spunti, tutti provenienti da siti americani di famiglie che praticano l’homeschooling, l’educazione familiare. In italiano non c’era niente o molto poco. Da lì ho iniziato a scrivere un blog per tenere traccia delle nostre attività (Scuola in soffitta) e oggi è diventato un libro.

 

2) Può sembrare strano che sia una mamma a parlare di scuola, come motivi la scelta di trattare questo argomento?

Le mamme, come anche i papà, hanno un ruolo nei confronti della scuola che è di collaborazione, promuovendo a casa gli stessi obiettivi che propone la scuola. Ai genitori la scuola chiede di curare l’impegno e la motivazione. Stimolare i bambini a fare i compiti, appassionarli allo studio o gestire i momenti di crisi in cui passa la voglia di prendere in mano i libri sono tutte situazioni in cui i genitori vorrebbero un’idea per risolvere la questione. Quelle che ho raccolto nel mio libro sono idee per aiutare i genitori a stimolare la voglia di apprendere dei bambini.

P1180926

 

3) Che tipo di idee troviamo nel tuo libro? Si parla di approccio teorico o esempi pratici?

3) Come dicevo prima, per me parlare di apprendimento è diventata una passione. Ho letto tantissimo in questi anni e nelle prime pagine del libro ho riassunto i punti più importanti per impostare un buon rapporto con i compiti. Mi sono dedicata molto agli esempi pratici. Ho raccolto idee per attività da fare con i bambini, che nel libro sono divise per materia e per tipologia: lavoretti, libri, viaggi, film, ecc.

 

4) Che preparazione deve avere una mamma per fare queste attività?

4) E’ una domanda che mi fanno spesso. Se ci pensiamo bene, la scuola non chiede che studi ha fatto la mamma per farle seguire i compiti dei figli. Questo perché la mamma fa la mamma e i figli fanno i compiti da soli. La mamma si occupa dell’idea che un bambino si costruisce negli anni della scuola, di invogliarlo quando è stanco, di proporgli libri interessanti che fanno bene alla mente così come sceglie l’alimentazione per aiutarli a crescere. Ogni mamma può fare tanto per i propri figli anche in tema di apprendimento. Basta uno spunto da cui partire, poi troverà il modo di adeguarlo alla situazione e al tempo a disposizione.

 

5) Quando si parla di apprendimento, molti credono che sia solo la scuola a doversene occupare. Tu cosa ne pensi?

5) La scuola fa tanto, ma ha bisogno che a casa si respiri la stessa idea di rispetto e importanza per lo studio. I compiti rimangono un dovere dei bambini, che i genitori possono guardare da lontano senza intervenire. Trovo più importante dedicarsi a creare l’atmosfera giusta che non mirare al buon voto. La scuola è un argomento che riguarda ogni famiglia almeno dieci anni, un periodo lunghissimo in cui siamo noi genitori a scegliere se sfruttarla per unirci di più ai nostri figli e viverla come un bel periodo oppure fare il conto alla rovescia aspettando che finisca. Si può capire molto dei propri figli standogli vicino nei compiti, c’è modo di parlare di tante cose. E’ una esperienza che mi ha insegnato tanto fino ad ora e a cui non rinuncerei.

 


Potrebbero interessarti anche:

Il meglio del mio blog nel 2013

2012-07-11-03.44.05-640x480

E’ finito un nuovo anno ed eccoci all’appuntamento del meglio del mio blog (secondo me).

Gennaio. un inizio triste muore una mamma :-(

Febbraio: emozione! La prima pagella di First.

Marzo: inizio a correre.

Aprile: i parco giochi del mio paese.

Maggio: mamma aiuta mamma.

Giugno: come intrattenere i bambini d’estate.

Luglio: lista nascita.

Agosto: Ci siamo divertiti davvero tanto :-)

Settembre: e’ iniziata la prima elementare per Second!

Ottobre: un desiderio andare sulla neve!

Novembre: una ricetta fantastica, il didò senza cottura.

Dicembre: biscotti di natale.

Questo è il meglio del 2012

Qui c’è il meglio del 2011

E il meglio del 2010

e il vostro meglio sapreste dirmi qual’è stato?

p.s. AUGURI di un meraviglioso 2014!

#ilmegliodelmioblog


Potrebbero interessarti anche:

Allergia all’acaro della polvere

coperte_18416

Per chi come nella mia famiglia ha problemi con l’acaro della polvere, sa che i prodotti per dormire appositamente progettati contro l’acaro non costano poco, mi è piaciuto che la ditta Alpretec invece usasse il metodo:

“Migliorati o Rimborsati”

Se, dopo un mese di utilizzo delle coperture antiacaro Microair Pristine Zero (SET: coprimaterasso e copricuscino), non riscontrerete una riduzione dei sintomi dell’allergia all’acaro e un miglioramento della qualità della vita, la spesa vi sarà completamente rimborsata.

Contro la crisi e lo spreco ancora meglio l’iniziativa:

“Rottamazione” della copertura”

Alpretec offre uno sconto sull’acquisto delle coperture Microair Pristine se volete sostituire la vostra copertura antiacaro perché deteriorata, inefficace o non confortevole. L’offerta prevede la rottamazione di coperture antiacaro di qualsiasi marca e uno sconto di € 30,00 sul set per il letto singolo e di € 50,00 su quello per il matrimoniale.

istock_000001721121large_18141

Ingegnoso il set da viaggio, in effetti non avevo mai pensato che chi è allergico all’acaro ha necessità di proteggersi anche quando dorme fuori casa, quasi quasi ordino un set da viaggio a Babbo Natale per Superdaddy :-D

L’uso del Microair Travel Set è molto facile: non serve disfare il letto, basta posizionare il coprimaterasso sopra il lenzuolo inferiore, e il copricuscino con cerniera sopra la normale federa.

Lavaggio:

in lavatrice a 60-90° C (gli acari muoiono solo a temperature superiori a 55°C), con qualsiasi detersivo, compresa la candeggina. Può essere centrifugato e asciugato in asciugatrice. Non usare ammorbidente.

body-con-manopole_71956

Alpretec ha brevettato e produce la linea di abbigliamento terapeutico DermaSilk® per chi soffre di patologie di cute e mucose e i guanti e i calzari Microair® Barrier per le dermatiti da contatto. Infatti uno studio durato due anni sulle persone affette da dermatite atopica ha evidenziato che: l’uso dei capi DermaSilk, a confronto con l’intimo in Cotone, riduce il consumo di cortisone (crema) steroidi topici del 60% e porta a una riduzione del prurito statisticamente più significativa.

C’è davvero tutto il necessario sia per i bambini: body, pantalone, maglia, slip, cappello. Che per gli adulti, intimo uomo e donna, calzetteria e guanti adatti anche per chi esercita le professioni sanitarie.


Potrebbero interessarti anche:

Intervista a Mammarisparmio

Avevo un po trascurato la mia rubrica delle interviste, era da aprile che non ne postavo una. Poi ho conosciuto una nuova amica e mi è tornata la voglia di scrivere di altre mamme blogger, oggi vi presento:

Ilaria Cuzzolin che ha creato quest’estate il sito Mammarisparmio, dopo aver perso il suo lavoro di giornalista.

Durante questo momento di pausa, in un viaggio ha conosciuto suo marito che è colombiano, ed è iniziata la sua nuova vita di moglie e di mamma.

Purtroppo il marito all’inizio non lavorava, non conoscendo nessuno qui in Italia, lei nemmeno ed era incinta (leggi: “chi te lo da un lavoro se sie incinta?!?!”) così racconta:

“Abbiamo vissuto di risparmi e da qui è nata la passione per coupon, autoproduzione, riciclo e quant’altro…”

Da qui il claim del suo sito:
“Genitori uniamoci per combattere la crisi. Scambiamoci consigli, sconti, promozioni, coupon, idee riciclo. ” Risparmiare è il mio mestiere!

Ha partecipato hai due mammacheblog il primo incinta della sua bambina e il secondo dopo che era nata Flor. Conoscere altre mamme blogger le ha fatto venire la voglia di provare con un suo blog.

Il suo post di maggior successo è stato:

Detersivo per la lavatrice fai da te.

Se vi ho incuriosita sulla sua pagina di facebook potrete rimanere aggiornate sulle sue proposte.

 


Potrebbero interessarti anche:

I 10 diritti fondamentali della mamma

MammaFelice ci ha chiesto di scrivere i 10 diritti fondamentali della mamma, l’unica cosa che mi veniva in mente era “una stanza tutta per me” non per sempre sia chiaro ma diciamo 5 minuti al giorno? Vabbè facciamo dieci ;-)

Quando ho visto la puntata di Mammaimperfetta di ieri sera non ci potevo credere O_0 hanno fatto la puntata della stanza tutta per se!

Si vede che non era solo un mio sogno :-)

Ecco il video della puntata se non l’avete ancora visto. Buona giornata a tutte le mamme imperfette io oggi vado dal parrucchiere…


Potrebbero interessarti anche:

Tra le 10 mamme blogger più famose!

Allora sicuramente c’è uno sbaglio però dicono qui che dopo la guru delle mamme blogger Barbara Damiano c’è il mio nome :-)

Ed io sono FELICE grazie a tutti voi che mi avete seguito con affetto in questi quattro anni :-)


Potrebbero interessarti anche:

Gravidanza e alimentazione

Care mamme oggi ho un articolo pensato per quelle di voi che sono in attesa, per aiutarle in una corretta alimentazione, come ormai sapete tutte non è più necessario “mangiare per due” come si pensava una volta. Allo stesso tempo le ginecologhe/ghi ci stressano che non dobbiamo prendere più di nove chili, senza però far mancare al nascituro tutti i nutrienti di cui avrà bisogno per formarsi e crescere.

Vi state chiedendo come fare? Potrete trovare un aiuto in gravidanza e alimentazione l’infografica pensata per la salute della donna in attesa e del suo bambino, da consultare per saperne di più su come nutrirsi in modo sano ed equilibrato. La scheda condensa alcuni dei contenuti presenti nel primo dei Quaderni di Valore Alimentare: “Alimentazione e gravidanza, nutrire corpo e anima con cibo di qualità”, firmato da Matteo Giannattasio, direttore scientifico della rivista online valore alimentare un sito che si occupa di biologico, alimentazione e salute.

Nell’infografica potrete facilmente trovare tanti utili consigli per costruire il menù di ogni giorno, a partire dagli alimenti più salutari e che aiutano a sopperire al crescente fabbisogno di alcune sostanze, come i folati o il ferro.

Basta infatti aumentare le dosi abituali di alcuni vegetali per trovare naturalmente gli integratori di cui il fisico ha bisogno. Nella piramide alimentare suggerita si trovano anche le indicazioni delle porzioni giornaliere per ciascun nutriente di qualità: a partire da frutta e verdura (da consumare in 5 porzioni giornaliere), per andare ai cereali (3 porzioni) e salire al latte e ai latticini (1 porzione), le proteine animali e vegetali (1 porzione), fino ai dolci (1 porzione a settimana).

Nella miniguida si trova anche una proposta di menu che può servire da spunto per le opportune personalizzazioni e per dosare al meglio i diversi nutrienti.

 

Gravidanza e alimentazione è un’utile guida per fondare la propria gravidanza su cibo di qualità, saporito, salutare e sano ma senza dimenticare l’amore materno, l’altro cibo di cui ha bisogno il bambino.

Valore Alimentare vuole dare una risposta chiara, semplice, documentata:

alle mamme in attesa e che hanno figli piccoli, per offrire consigli e suggerimenti nell’ambito dell’alimentazione nelle diverse fasi dell’età;

a chi si trova ad affrontare particolari problematiche dal punto di vista alimentare e vuole saperne di più ed approfondirle;

a chi vuole vuole approfondire i temi dell’agricoltura bio e biodinamica;

a chi vuole coniugare cibo sano e attenzione alla spesa;

a chi vuole conoscere da vicino i prodotti bio, imparare a cuocerli e a portarli in tavola nella cucina di tutti i giorni;

a chi vuole saperne di più sui processi di lavorazione e di trasformazione del cibo, con un confronto tra biologico e convenzionale;

a chi è attento all’ecologia e alla tutela dell’ambiente

a chi vuole dedicarsi al fai da te in casa e nell’orto;

 

I Quaderni di Valore Alimentare sono pubblicazioni monografiche semestrali, gravidanza e Alimentazione è il primo quaderno pubblicato, seguito da Allergie e intolleranze. I Quaderni di Valore Alimentare sono acquistabili nei negozi biologici Cuorebio e neri Supermercati bio Naturasì, oltre che on line (www.emporioecologico.it).

Allora cosa ne pensate di questo sito? Andate a consultarlo e fatemi sapere :-)

 


Potrebbero interessarti anche:

Bio-Oil

Bio-Oil l’ho provato e sono rimasta molto contenta, è un olio che non unge e si può utilizzare anche per il viso, io ho la pelle secca e mi aiuta d’estate e non farla seccare ancora in più. Ottimo anche per ridurre l’invecchiamento o per chi la la pelle macchiata.

Progettata per le smagliature e per ridurre le cicatrici (le smagliature sono cicatrici) la sto mettendo sulla cicatrice del cesareo sulle istruzioni c’è scritto che bisogna utilizzarla tutti i giorni per tre mesi, vi farò sapere com’è andata ad ottobre :-)
Ovviamente non bisogna metterla sulla pelle dove sono presenti lesioni. Delicato e ipoallergico è indicato anche per le pelli più sensibili. Quindi si può utilizzare anche in gravidanza, momento in cui è molto importante prendersi cura del corpo .
Al contrario molti altri prodotti antismagliature che sono troppo attivi come principi e quindi incompatibili con la gravidanza.
Ma come è composto Bio-Oil®?
Quest’olio vede una sapiente selezione di ingredienti naturali e vitamine  dispersi in una base oleosa che, essendo priva di ossigeno, previene l’ossidazione dei principi funzionali e ne mantiene intatte le proprietà benefiche sulla pelle.

Gli oli naturali (Olio di Camomilla, Olio di Calendula, Olio di Lavanda, Olio di Rosmarino) hanno un’azione lenitiva, levigante e tonificante.

La vitamina E favorisce l’aumento della produzione del collagene e idrata profondamente la pelle, prevenendo  così le smagliature e riducendo la visibilità di quelle già esistenti. Inoltre svolge un’azione antiossidante, contrastando l’invecchiamento cutanea dovuto ai radicali liberi.

Ma ciò che lo rende unico  è un ingrediente innovativo, di sintesi, appositamente studiato in modo da riprodurre l’esclusivo effetto di un olio presente in natura negli uccelli acquatici, non grasso e poco denso:  si tratta del PurCellin Oil™. Riducendo la densità dell’olio facilita l’assorbimento delle sostanze contenute inBio-Oil®e grazie al suo effetto emolliente contribuisce a rendere la pelle più morbida, levigata, nutrita e senza sgradevoli tracce d’unto, a differenza della maggior parte degli oli presenti sul mercato (ad esempio: olio di mandorle; olio di argan; olio di oliva)

Articolo sponsorizzato


Potrebbero interessarti anche: